Ripresa l’attività ufficiale dell’Avis Verag Prato con la prima tappa post estate di Coppa Toscana di mountain bike, la Straccabike, organizzata dall’Avi Pratovecchio a Stia, oltre 45 km e circa 1500 metri di dislivello. Gara difficile , sopratutto per i discesisti:  11 km di Salita iniziale subito dopo il “Pronti via”. Era uno scatenato Federico Silvio moretto che tentava fin da subito la fuga seguito non proprio a ruota da Gori, Gelli e Avella, il resto del gruppo Avis Verag a seguire. Alla fine della lunga salita Moretto affronta il vallonato per primo, poi Gelli e Avella che scollinano un minuto dopo. Gori accusa un po’, Gelli nel vallonato perde il controllo con una scivolata senza conseguenza fisiche, ma la pipa della sua bici si rompe e lo costringe al ritiro.
Al’attacco della prima discesa tecnica, difficile, caratterizzata da sassi umido, Avella fa valere le sue doti tecniche e recupera i 2 minuti a Moretto e via via anche nei successivi impervi sali e scendi tecnici guadagna ulteriori tre minuti circa sul compagno di squadra.
La gara registra anche la caduta del presidente Marco Barni, conseguenza dell’impervio terreno. Per fortuna anche per lui solo un forte trauma alla spalla: riuscirà a concludere la gara. Bene anche Romano, Bonamici, Menci, Ambrosetti, Cirmena, Cipriani, La Porta.

Il gruppo Avis Verag al pasta party dopo la Straccabike

Ma l’impresa più grande è quella di Filippo Martini che completa la corsa con più dislivello del mondo, l’Otzaler in Austria, oltre 5000 metri di dislivello, 5500 per la precisione, ma anche 238 km, peraltro conditi da condizioni meteorologiche che non potevano essere più avverse con pioggia, talvolta mista a neve, e freddo, temperatura intorno allo zero, che poi è salita nel fondovalle fino a 12 gradi. Filippo si è preparato da tempo a questa impresa, e non si è tirato indietro, portando la maglia dell’Avis in gara e al traguardo dopo 10 ore e 50′. Ora potrà indossare anche quella, preziosa, dei finishers.

Filippo Martini dopo la consegna della maglia di Finisher all’Otzaler

Un ‘impresa a cui si abbina quella di Giuseppe Gori, primo di categoria alla Dolomiti Superbike in mountain bike lo scorso luglio.

Stasera in sede festeggiamenti per tutti alla riunione mensile (21.30) nella quale si parlerà anche di dettagli organizzativi sul Raduno di Leonardo del 30 settembre e altri argomenti.