Testo e gioco a cura di Diego Clemente

E ora chiamateli WIN-tage…sono i campioni dalle bici di ferro (come il loro carattere), che non temono avversità né fatica e si esaltano nelle prove impossibili (come vincere una coppa Toscana). La 21esima tappa del Fantabici li ha visti compiere una memorabile impresa alla Ciclostorica di Settimello, la Panoramica, ultima prova di coppa Toscana Vintage. Come si intuisce dal nome, la Panoramica si snoda su un percorso che offre strade e scorci di paesaggio bellissimi. Ma bello non significa anche facile. Il giro comprende sia salite impegnative, come quelle di Fiesole, Olmo e Bivigliano, che discese da Kamikaze (soprattutto sul bagnato) come quelle di Monte Morello, senza contare gli sterrati spacca tubolari della piana fra Sesto e Campi e il “muro” finale al Castello di Calenzano. Il tutto reso più complicato e pericoloso dalla solita bufera settembrina.

In ventuno (ancora grazie ragazzi) si sono presentati al via per questa decisiva sfida. Sapendone l’importanza non hanno badato al sacrificio personale e ben diciassette di loro, rinunciando anche al pranzo dalla suocera, hanno scelto il percorso detto “di Rocco” (ovvero, come noto, quello lungo e duro). Ed è doveroso tributo nominarli tutti uno per uno. Eccoli, standing ovation per: Anichini, Bellini, Campanale, Canneti, Ceccatelli, Cleme D, D’Elia, Del Carria, Di Natale, Laporta, Mascia, Mini, Paoletti, Ruggeri, Ugolini, Virgilio, Sestino, Calamai, Casaioli, Merli e Tempestini. Un plauso particolare anche agli atleti (non vintage) Balle, Magnolfi, Silverio, Patrizia, Assirelli, Floriana e Miriam, che hanno contributo al successo di squadra accompagnando sul percorso la truppa di Capitan Diego.

Altro discorso per gli otto bikers impegnati nella Rampiconero, prova di Mtb inserita nel circuito Ima Scapin. Solo due, Barni e Corsini, sono arrivati al traguardo. Sei di loro sono stata letteralmente “cancellati” al 24esimo km. Non per colpa loro, ma a causa di un’organizzazione vile e indegna di tale nome, Becagli, Breschi, Chiesi, Cleme G, Coronel Iafrate e Trivella Pontenani hanno visto vanificato tutto il loro impegno di gara ed il disagio sopportato per la scomoda trasferta al Conero. “Per voi la Rampiconero…finisce qui” hanno detto ai nostri atleti. E allora, cari organizzatori statene certi, per noi la Rampiconero finisce “per sempre”, non merita e non ci sprecherò altre parole di commento.

Riflessi di classifica
Tappa favorevole a Barni che si porta in seconda posizione, a soli 5 punti da Ceccatelli. A squadre, ancora una volta sugli scudi il Mr. Mascia che recupera 7 punti al leader I-Clem e ne infligge quasi altrettanti al terzo incomodo, l’Alino Team bike.

***
Fuori dal Fantabici vanno segnalati i quattro che sono stati al Raduno in mountain bike a Casalguidi molto ben organizzato da Freebike. si è partiti soft per la piana ai piedi del San Baronto, poi via via si è cominciato a salire, sempre più su, sempe più forte, e le discese dove Slavina Avella e Rosadoni si sono segnalati. Particolare da sottolineare: prima del raduno i nostri avevano aggiunto un po’ di km e oltre 600 metri di dislivello. Per essere pronti per le prossime sfide, quelle Fantabiciche. A cominciare dalla Gran Fondo Colli del Tartufo a San Miniato su strada o dall’uscita in MTB a Verona di domenica prossima.

***
Qui la classifica di tappa del fine settimana del Fantabici Avis Verag: clas panoramica

Qui le classifiche generali, individuali e a squadre, aggiornate: classifiche generali dopo La Panoramica e Conero


***

***